Latte in polvere: come renderlo sicuro


Parliamo di latte artificiale.

Né il latte di capra, né il latte di asina, né di mucca, né di riso, né di mandorle sono adatti a sostituire il latte materno nel primo anno di vita del bambino.

L’unica alternativa al latte materno è il latte artificiale per bambini, la cosiddetta formula o alimento per l’infanzia.

Latte materno e latte artificiale non sono equivalenti e, nonostante i progressi scientifici, probabilmente non lo saranno mai, ma il latte artificiale rimane l’alternativa più adatta a nutrire un bambino che non venga allattato al seno.

Il latte artificiale in polvere è sicuro? Così com’è, no.
Possiamo renderlo sicuro? Per fortuna, sì.

Da molti anni OMS, FAO, IBFAN e numerose altre istituzioni che si occupano di salute e alimentazione hanno lanciato l’allarme: solo il latte artificiale liquido (che è più costoso) è sterile, mentre quello in polvere può essere oggetto di contaminazioni, in particolare da enterobacter sakazakii e da salmonella, due batteri che possono provocare gravissime malattie ai neonati, specialmente se prematuri o immunodepressi.

Questo tipo di contaminazione si chiama contaminazione intrinseca: è la contaminazione che avviene durante il processo produttivo. Per quanti accorgimenti si prendano, è impossibile da eliminare con le attuali tecniche di produzione. Questo significa che la confezione ancora sigillata di latte in polvere non è sterile.

Una volta aperta la confezione, inoltre, può intervenire anche la cosiddetta contaminazione estrinseca: mani non perfettamente pulite di chi prepara il latte, utensili (misurino, coltello) che, anche se puliti, vengono a contatto con superfici contaminate, biberon e tettarelle non sterili.
Questa seconda contaminazione riguarda anche il latte artificiale liquido non conservato correttamente (deve essere tenuto in frigorifero sotto i 5 gradi e consumato entro 24 ore) o se viene a contatto con oggetti contaminati.

La contaminazione intrinseca riguarda dal 3% al 14% delle confezioni, indipendentemente dalla marca.

Questo non significa che tutti i bambini esposti alla contaminazione si ammalino. La probabilità che un bambino contragga una malattia per la contaminazione del latte artificiale è bassa, ma il rischio non va ugualmente sottovalutato.
Il rischio massimo è nelle prime 4 settimane di vita, per cui in questo periodo (se il bambino non è allattato al seno o se lo è parzialmente) si consiglia l’utilizzo del latte artificiale liquido.


È uscito l’ebook Allattamento in pillole!
Spunti di riflessione e consigli utili per vivere l’allattamento in serenità e consapevolezza a soli 0,99 cent.


Qual è il modo per rendere sicuro il latte in polvere?

Il segreto è semplice: l’acqua!
Spesso ci si preoccupa che l’acqua per preparare il latte sia sterile, e quindi la si fa bollire, senza sapere che il problema relativo alla sicurezza si trova non solo nell’acqua ma anche nella polvere.

In una sola mossa possiamo rendere sicura l’acqua e la polvere: l’acqua, anche se di bottiglia, deve essere fatta bollire; quando ha raggiunto i 70 gradi di temperatura, deve essere unita alla polvere.
A 70 gradi, infatti, vengono preservate le proprietà nutrizionali del latte (l’acqua bollente rovinerebbe il latte) e si riduce drasticamente il rischio derivante dall’enterobacter sakazakii e dagli altri patogeni.
Per verificare la temperatura corretta dell’acqua si può acquistare un termometro per alimenti oppure, in maniera più empirica, si può portare a ebollizione l’acqua, spegnere il fuoco e lasciare il coperchio sulla pentola per 30 minuti.

Il biberon di latte ovviamente deve essere raffreddato rapidamente (sotto un getto di acqua fredda) per portarlo a una temperatura adatta al consumo, cioè circa 37 gradi.

Un altro aspetto fondamentale per la sicurezza del latte artificiale in polvere è che il biberon deve essere consumato il prima possibile dopo la preparazione, entro due ore al massimo, dato che, nonostante l’uso di acqua alla temperatura corretta, il latte tiepido diventa una specie di incubatrice per germi e batteri.
Questo accade tipicamente quando si esce con il bambino, si prepara a casa il biberon e lo si mette in caldo nel porta biberon termico, oppure quando si preparano in anticipo i biberon per la notte.
In questa maniera può succedere che il latte resti per diverse ore nel biberon prima di essere consumato.



Che soluzione adottare?

  • Utilizzare latte liquido già pronto (da aprire al momento dell’uso), però bisogna anche trovare il modo di scaldarlo fino ai 37 gradi circa.
    Se siete a passeggio e non avete uno scaldabiberon a portata di mano, chiedete aiuto in un bar: nessuno vi negherà di tenere a bagnomaria il biberon per qualche minuto per dare da mangiare al vostro piccolo! Questa è la soluzione più sicura e forse anche la più pratica, anche se più costosa.
  • Preparare il latte e poi tenere il biberon in frigo o in un contenitore termico a una temperatura inferiore ai 5 gradi. È poi necessario portare poi il latte ai 37 gradi circa.
    Se il latte è conservato in frigorifero deve essere consumato entro 24 ore; se si trova in un contenitore termico, a causa della temperatura più instabile, deve essere consumato entro 2 ore.
  • Mettere in un thermos dell’acqua bollente e portare a parte la polvere.
    Con il tempo la temperatura dell’acqua scenderà e, al momento dell’uso, mescolerete l’acqua con la polvere. È necessario però trovare il modo di raffreddare il latte fino a 37 gradi circa. È una soluzione meno sicura, in quanto non è possibile sapere di preciso per quanto tempo l’acqua rimarrà intorno ai 70 gradi.
  • Per scaldare il latte è fortemente sconsigliato l’uso del forno a microonde.

Se volete un prospetto chiaro e schematico delle istruzioni per preparare correttamente il latte in polvere, vi consiglio di leggere Come preparare in casa il latte in polvere di Sergio Conti Nibali. Se usate il latte in polvere, vi suggerisco di stampare queste istruzioni e appenderle in cucina alla portata di chiunque possa preparare il latte per il vostro bimbo.

A questo punto vi sarete già fatti una domanda: come mai sulle confezioni di latte in polvere tutto questo non è spiegato?
Beh, ammettere che il proprio prodotto non è del tutto sicuro sarebbe un duro colpo per il marketing dei produttori di latte artificiale. A oggi in Italia solo un’azienda, che commercializza tre marchi, riporta l’indicazione di scaldare l’acqua a 70 gradi. Tutti gli altri, in genere, indicano di portare l’acqua a 50 gradi, ma questa temperatura non è sufficiente per avere un latte sicuro.
In ogni caso, nessuno specifica chiaramente che il latte in polvere non è sterile.

Persino molti pediatri ignorano il problema oppure, pur sapendo come stanno le cose, non avvisano i genitori su come preparare correttamente il latte artificiale. Alcuni lo fanno perché sottovalutano il problema, altri perché non vogliono spaventare i genitori. È come se proponessero un farmaco o una terapia senza spiegare che, se non somministrati in maniera corretta, potrebbero essere dannosi.
Il risultato è che solo l’11% dei genitori prepara il biberon in maniera corretta, esponendo inconsapevolmente i propri figli al rischio di serie malattie.
Ma chi usa il latte artificiale non è un cittadino di serie B: ha pieno diritto a essere correttamente informato.


di Sara Cosano


Per saperne di più:

P. Negri, Tutte le mamme hanno il latte, Il leone verde Edizioni.
S. Conti Nibali, Come preparare in casa il latte in polvere, Quaderni acp 2008; 15(1): 40.
Linee Guida OMS per la preparazione del latte artificiale in polvere (disponibili in inglese, francese, spagnolo)
www.ibfanitalia.org

Bibliografia:

WHO/FAO, Safe preparation, storage and handling of powdered infant formula: guidelines, 2007.
C. Carletti, A. Cattaneo, La preparazione casalinga del latte in polvere: si rispettano le regole di sicurezza?, Quaderni acp 2008; 15(1): 15-19.
Breastfeeding Briefs, Contaminazione del Latte Artificiale da parte di Enterobatteri, vol. XXX, a. 2003, n. 36.
C. Ballista, S. Bonardi, Latte in polvere: strategie di controllo del rischio di contaminazione da Enterobacter Sakazakii, Ann. Fac. Medic. Vet. di Parma, vol. XXV, a. 2005, pp. 219-230.
European Network for Public Health Nutrition: Networking, Monitoring, Intervention and Training (EUNUTNET), Alimentazione dei lattanti e dei bambini fino a tre anni: raccomandazioni standard per l’Unione Europea, European Commission, Directorate Public.

Potrebbe interessarti anche