Facciamo il pieno di vitamina C!

Così, prima di stare male, si cerca di fare il pieno di vitamine ed integratori a tutta la famiglia per evitare le tipiche malattie da raffreddamento quali raffreddori ed influenze.

Niente di più giusto da fare: l’unica arma per prevenire i malesseri tipici della stagione fredda è cercare di aumentare le difese immunitarie e di rafforzare tutto l’organismo. L’importante è ricordarsi che anche in questi casi la Natura ci offre una vastissima gamma di frutti e piante con fantastiche proprietà che possono fare al caso nostro. Sostituiamo quindi integratori e vitamine di sintesi alle ricchezze che la Madre Terra ci dona e mette a nostra completa disposizione.

La famosa vitamina C è sicuramente la più gettonata tra tutte le vitamine perché, si sa, ha la capacità di rafforzare il sistema immunitario. Un eccesso di questa vitamina viene fisiologicamente espulso dall’organismo, quindi non si deve temere di assumerne in quantità troppo elevate.

La vitamina C deve essere presa in via preventiva, ma anche e soprattutto durante la malattia acuta perché con la febbre l’organismo ne consuma in grosse quantità. Essa è contenuta nella frutta e nella verdura, ma per non fare ogni giorno il pieno di arance e limoni nella nostra dieta, si possono utilizzare piante come la rosa canina, il ribes nero e l’olivello spinoso che hanno un ben più alto e concentrato contenuto di vitamina C.

La rosa canina (Rosa canina) dal vellutato e delicato fiore a 5 petali e dalle bacche rosse contenenti i frutti, può essere utilizzata sotto forma di infuso: si mettono in 1 tazza di acqua bollente dai 2 ai 4 gr di rosa canina, si lascia in infusione per 15-20 minuti e si beve una tazza per 2-3 volte al giorno. Ottima è anche la marmellata dal tipico colore rosso che delizierà i palati anche dei più piccoli!

Il ribes nero (Ribes nigrum) è il fratello del ribes rosso che, con un contenuto inferiore di vitamina C, è il ghiotto frutto che spesso si trova sulle nostre tavole. Il ribes nero può essere utilizzato sotto forma di tintura madre idroalcolica prendendone 40 gocce per 2-3 volte al giorno, diluite in poca acqua o succo di frutta, lontano dai pasti. Per i bambini più piccoli è bene evitare questa somministrazione poiché preparata su base alcolica, ma ricordiamoci che la vitamina passa al poppante direttamente dal latte della sua mamma.

L’olivello spinoso (Hippophaer rhamnoides) dalle foglie color argento e dai frutti colorati di un lucente arancio (sede della vitamina C), non viene utilizzato come tisana, ma sottoforma di un saporito succo che sarà sicuramente gradito ai piccoli e golosi palati dei nostri bimbi!

Prendendo questi preparati in via preventiva, influenze e raffreddori resteranno fuori dalla nostra casa!

Federica Scropetta


Potrebbero interessarti anche