Orto in condotta: quando l’agricoltura entra a scuola

Il progetto che riguarda le scuole di ogni ordine e grado, ma che si è maggiormente sviluppato per le elementari, si chiama Orto in condotta. A essere coinvolti anche gli insegnanti che sono formati da Slow Food per 9 ore l’anno per tre anni.

Il progetto è triennale poiché le materie studiate sono tante: si va dall’orticoltura ecologica, all’educazione sensoriale e del gusto, alla cultura alimentare, alla storia della gastronomia e alla geografia alimentare.

Anche i genitori possono essere coinvolti. Spiega Davide Ghirardi responsabile dei progetti educativi di Slow Food:

“Si parte dall’analisi di come e cosa si mangia in famiglia per passare poi a comprendere come si riconoscono le produzioni di qualità, come si legge un’etichetta, qual è la stagione giusta per ogni prodotto. In questo modo pensiamo che intorno all’orto possa nascere una vera e propria comunità dell’apprendimento, ovvero un luogo dove i vari soggetti attivi – mettendo ognuno a disposizione le proprie competenze – si fanno carico del cambiamento degli stili alimentari”.

Partecipare è semplice: basta contattare o il fiduciario di zona di Slowfood reperendo il nome dal sito, o telefonare allo 0172 419616 o scrivere una mail a educazione@slowfood.it.

Fonte: Il Serpente di Galeno

Potrebbe interessarti anche