Bruno Munari: elogio della creatività


Figura poliedrica, ha dedicato una parte del suo lavoro allo sviluppo della creatività e della fantasia nell’infanzia attraverso il gioco.

I suoi laboratori tattili per bambini sono divenuti famosi in tutto il mondo.

Ecco un suo breve testo (riportato sul Quaderno Montessori n°99), in cui, con lo spirito sagace che gli è proprio, Munari parla dello spirito creativo nei bambini:

“Un pulcino diventa adulto in poche settimane, un gatto in qualche mese, una persona in 13 anni. Durante l’infanzia siamo quello che gli orientali definiscono Zen: la conoscenza della realtà che ci circonda avviene istintivamente mediante quelle attività che gli adulti chiamano gioco. Tutti i recettori sensoriali sono aperti per ricevere i dati: guardare, toccare, sentire i sapori, il caldo, il freddo, il peso e la leggerezza, il morbido e il duro, il ruvido e il liscio, i colori, le forme, le distanze, la luce e il buio, il suono e il silenzio… tutto è nuovo, tutto è da imparare e il gioco favorisce la memorizzazione.

Poi si diventa adulti, si entra nella “società”, uno alla volta si chiudono i recettori sensoriali, non impariamo quasi più niente, usiamo solo la ragione e la parola e ci domandiamo: quanto costa? a cosa serve? quanto mi rende?

E poi, diventati ricchi, ci si fa costruire una bella villa al lago e, come ricordo di una infanzia felice e perduta per sempre, si fanno mettere in giardino la serie completa dei nanetti e Biancaneve in cemento colorato”.

Elena Balsamo

Potrebbe interessarti anche