La “civile” Ryanair dice no ai bambini

Un’altra triste notizia di mancata benevolenza nei confronti dei più piccoli, per non dire inciviltà.

La nota compagnia aerea irlandese Ryanair ha deciso, per venire incontro alle esigenze degli utenti, di istituire voli senza bambini.

Da una ricerca condotta dalla compagnia, buona parte dei passeggeri dei suoi voli non sopporta il rumore e il fastidio prodotti dai “piccoli mostri” (per dirla con le parole dell responsabile della comunicazione di Ryanair), capaci di rovinare il viaggio a molti utenti.

Secondo gli intervistati i “mostri” a bordo sarebbero rumorosi per colpa soprattutto dei genitori, e inoltre responsabili dei ritardi nell’imbarco.

Non essendo attuabile la politica della separazione a bordo dei passeggeri tra “adulti” e “bambini”, presto fatto: Ryanair istituirà voli “child-free” per le tratte a più alta frequenza, pare già a partire da ottobre prossimo, con il passaggio all’orario invernale.

A questo si aggiungerebbe un aumento dei prezzi per recuperare i costi per le cancellazioni dei voli e i ritardi. Ma niente paura: pare infatti che i passeggeri siano ben contenti di pagare un po’ di più pur di viaggiare senza quei gran rompiscatole dei bambini…

La notizia è della fine di marzo… che si tratti du un pesce d’aprile in leggero anticipo?

Per leggere l’articolo de Il Messaggero.it, clicca qui.


Potrebbero interessarti anche