Cellulari e portatili rischiosi per la salute dei bambini

Che le onde radio emesse dai cellulari non fossero innocue ne avevamo già il sospetto.

Ma una recente ricerca dell’Università di Gazi, ad Ankara, apre scenari ben più preoccupanti sui danni per la salute derivanti dall’uso prolungato di cellulari e telefoni portatili.

Il segnale da loro emesso sarebbe responsabile della rottura del DNA, della compromissione delle capacità riproduttive, oltre che di patologie tumorali.

Questi dati sono provati e confermati da diversi studi condotti su insetti esposti alle onde radio prodotte dai cellulari.

Ma c’è di più: pare che soli sei minuti al telefono cellulare inficerebbe la formazione delle ossa del feto.

Da qui la domanda più inquietante: se negli adulti gli effetti sono di questa portata, che cosa accade nei bambini?

Il loro organismo, se sottoposto ad alte frequenze, assorbe una quantità maggiore di energia. Con conseguenze amplificate.

Da qui l’importanza di evitare che i piccili utilizzino il cellulare o il portatile, ma soprattutto che venga ridotta la campagna di marketing delle case produttrici indirizzata proprio al pubblico più giovane.

Per approfondire il discorso leggi l’ articolo originale.

Potrebbe interessarti anche