Dal 12 maggio giocattoli più sicuri grazie a nuova direttiva Ue

I dati relativi alla commercializzazione di giocattoli pericolosi e non a norma sono eloquenti: in Italia, nel 2010, si è registrato il sequestro di 8,8 milioni di giocattoli pericolosi (una crescita del 55% rispetto all’anno precedente), e di 10,3 milioni di giocattoli contraffatti.

Quest’anno non è iniziato meglio: gennaio e febbraio contano 2,17 milioni di giocattoli pericolosi e 745,6 mila giochi contraffatti.

A porre rimedio a questo grave problema, che riguarda non solo il nostro Paese, ma l’intera Europa, dal 12 maggio 2011 entrerà in vigore una nuova direttiva Ue a tutela dei piccoli consumatori fino a 14 anni.

Il decreto definisce il concetto di “giocattolo” (prodotto progettato e destinato all’utilizzo a fini di gioco da parte di individui  di età inferiore a 14 anni), ma soprattutto indica in maniera esplicita le tipologie di prodotto che non possono essere considerate giocattoli e che, quindi, sono da escludere dalla categoria.

Ulteriori novità riguardano l’inasprimento dei controlli sui materiali e le sostanze chimiche utilizzate e sul rischio di asfissia, una maggiore responsabilizzazione dei rivenditori e, non ultima, la costituzione di un nuovo organismo di controllo – l’Accredia – per la valutazione e la vigilanza degli Organi preposti alla marcatura CE dei prodotti.

Per approfondire l’argomento, vai all’articolo originale.

Potrebbe interessarti anche