Maternità e lavoro, in Italia conciliazione difficile

I dati del primo rapporto Ocse sulla famiglia e le politiche familiari sono sconfortanti.

Nella nota che riguarda l’Italia risulta che solo il 48 per cento della popolazione femminile è occupato, contro una media del 59 per cento nei restanti Paesi.

Le italiane risultano concentrate sull’affermazione della carriera durante i primi anni lavorativi, tanto da posticipare eventuali maternità, se non addirittura rinunciarvi.

Il mondo del lavoro non è amico delle famiglie, nel nostro Paese: poca flessibilità negli orari e scarso controllo sugli stessi da parte dei lavoratori.

Per queste ragioni molte donne diventate madri trovano difficile conciliare l’orario d’ufficio con le esigenze della famiglia, a volte impossibile mantenere l’impiego a tempo pieno.

L’alternativa è il part-time, goduto dal 31 per cento delle italiane e dal 7 per cento degli italiani.

E’ evidente che molto debba ancora farsi per andare incontro alle esigenze delle madri lavoratrici.

Fonte:  Avvenire.it

Potrebbe interessarti anche