Meno farmaci e più ascolto per i bambini “terribili”

Se un tempo un bambino particolarmente vivace e irrequieto veniva definito “terribile”, oggi la tendenza è quella di considerarlo e – spesso erroneamente – diagnosticarlo un caso di “sindrome da deficit attentivo con iperattività” (ADHD).

Ne consegue il trattamento farmatologico del “disturbo” con la somministrazione di psico farmaci già in età scolare.

Contro questa tendenza generalizzata l’associazione Pensare oltre ha lanciato una campagna, e uno spot, per sensibilizzare l’opinione pubblica (genitori, educatori, professionisti) su questo problema, proprio in occasione del recente Salone Internazionale del Libro di Torino.

Per cercare di ridimensionare un fenomeno troppo spesso esasperato da operatori scolastici e sanitari, il messaggio lanciato è quello di tornare a guardare con occhio più benevolo e comprensivo i cosiddetti ragazzini “terribili”: quelli che non stanno mai fermi, quelli che fanno baccano, gli irrequeti, i vivaci, insomma.

A supportare la campagna di Pensare oltre numerosi personaggi famosi – da Lina Wertmueller ad Alex Zanardi, da Ennio Morricone  a Bruno Bozzetto – tutti ex bambini tremendi, oggi personalità dello spettacolo e dello sport.

Con lo sloagan “se la bimba urla, da grande sarà un soprano” si vuol sottolineare come non sempre la vivacità è sintomo di un disturbo.

La sindrome da deficit attentivo con iperattività viene spesso mal diagnosticata, e altrettanto spesso trattata – senza reale necessità – con gli psicofarmaci.

A volte basterebbe semplicemente fermarsi a osservare il tipo di vita che conduce il bambino “problematico”, rivedendone i ritmi e gli impegni. Capita infatti che dietro l’irrequietezza si celi il disagio per orari troppo pressanti, attività non a misura di bimbo, o ancora la mancanza di ascolto o l’assenza del genitore.

Molto utile, secondo Pensare oltre, è avvicinare il ragazzino ad attività a lui più consone – il contatto con la natura, lo sport, l’espressione di capacità artistiche – oltre a una didattica più efficace e stimolante.

Per approfondire l’argomento, vai all’articolo originale.

Potrebbe interessarti anche