• 0 Elementi - 0,00
    • Il carrello è vuoto.
Il bambino morto in gravidanza vive nel cuore

donna a terra per bambino morto in gravidanzaQualche giorno fa mi ha scritto una mamma. Come spesso accade, ne è nato un breve scambio di email. “Quanti bimbi hai?” le ho chiesto.

E lei mi ha risposto: “Tre. Il più grande ha quattro anni, il secondo l’ho perso in gravidanza, la piccola ha un anno”.

Mi ha tanto colpito la risposta di quella madre. E mi ha fatto tornare in mente quando, dopo aver perso il mio bambino nell’attesa, avevo sempre voglia di rispondere “Ho tre bambini e uno in Cielo”.

E mi ha anche fatto tornare in mente qualcosa che ho potuto constatare raccogliendo le testimonianze destinate al libro Quando l’attesa si interrompe: i bimbi persi non sono persi per le loro mamme. Restano per sempre nella loro memoria e nel loro cuore. Fanno parte di loro.

Questa consapevolezza forse potrà aiutare, almeno un pochino, chi ora sta soffrendo per un bimbo non nato. Una sofferenza troppo spesso ignorata, incompresa e banalizzata dalla nostra società. “Eri solo di tre mesi! Be’ ne avrai altri! È la natura!”, queste le frasi di “non consolazione” che spesso si sentono dire le donne che hanno perso un figlio in gravidanza…

A tutte le donne che non hanno potuto stringere tra le braccia il proprio bambino, ma lo custodiscono gelosamente, al sicuro, nel loro cuore, è dedicata questa riflessione tratta da Quando l’attesa si interrompe:

“Quando il processo di lutto si conclude, al dolore per la perdita della persona amata si sostituisce la dolcezza del ricordo.
Può accadere che, con il succedersi delle settimane, mentre la donna pian piano si accorge di star meglio possa temere di dimenticare. Questo timore è causa di un intenso disagio: piuttosto che dimenticare, meglio continuare a soffrire.

Ma il rischio di dimenticare, in realtà, non esiste.

Un bambino perso non è perso per la sua mamma. Lei lo custodisce per sempre, al sicuro, nel suo cuore. Credeteci perché è proprio vero, l’ho scoperto parlando con tante, tante donne, oggi madri felici, che hanno vissuto questa esperienza cinque, dieci, vent’anni fa.

Donne a cui il trascorrere del tempo non ha rubato alcun ricordo, che sanno dire quanti anni avrebbe oggi quel figlio perso, che conservano nella memoria le date legate alla sua breve esistenza terrena (il giorno della diagnosi, o il giorno del raschiamento, o del parto), che mentre dicono quanti figli hanno, sentono il loro pensiero volare là, al loro bambino speciale che non hanno potuto abbracciare, ma che c’è, fa parte di loro e della loro storia di madri”.

 

Giorgia E.Cozza

 

 

Per approfondimenti

Quanto l’attesa si interompe

Commenti (32)

    • Gio

    • 10 anni fa

    Una mia cara amica ha perso il suo bimbo all’8° mese di gravidanza: l’ha messo al mondo, ha stretto il suo corpicino caldo tra le braccia, e insieme abbiamo pianto calde lacrime di dolore. E anche oggi, che Leonardo ha 3 anni, Lorenzo, che ne avrebbe 5 c’è sempre, sempre

      • redazione

      • 10 anni fa

      Gio, Monica,
      voi mamme che lasciate le vostre testimonianze, posso dirvi che siete straordinarie?…

    • Monica

    • 10 anni fa

    Alla mia guerriera Anna nata e morta dopo 12 ore e al mio angioletto volato in cielo alla 14 esima settimana. Vi amo mamma.

      • redazione

      • 10 anni fa

      Monica, un abbraccio <3

    • Stella

    • 10 anni fa

    Io ho Tiziano di 7 anni, una stellina nel 2008, Vittoria di 2 anni, Gabriele, volato in cielo al 5 mese di gravidanza,partorito, preso in braccio, baciato e coccolato ora al cimitero e poi un’altra stellina tre settimane fa….Io ho 5 figli!

    • Giovanna

    • 9 anni fa

    io non ho mai visto battere il cuoricino del mio secondo bimbo, per quanto presto l’ho perso, eppure leggendo questo articolo e i commenti piango come una fontana. Come ho pianto quando mi sono resa conto che il bimbo che in questo momento stringo tra le braccia è nato ad un anno esatto, esattamente lo stesso giorno, dalla nefasta mestruazione che mi manifestò la perdita.

    • loredana

    • 8 anni fa

    io invece ho perso la mia pikkola michelle alla 40 settimana di gravidanza …. avrei dovuto finire il 21 di dicembe invece l´ho partorita morta proprio il 31 dicembre … nn la dimentikero mai …. ho solo 20 anni ma lei stará cn me x tutto il resto della mia vita <3

    • Giorgia

    • 8 anni fa

    Oh Loredana… ti abbraccio. Con tutto il cuore.

    • cristina

    • 8 anni fa

    un abbraccio alle mamme che hanno vissuto questa terribile esperienza, vi sono vicina davvero col cuore.
    io purtroppo mi sono trovata ad esserne testimone, proprio il giorno in cui uscivo dall’ospedale con in braccio il mio bimbo.
    uscì dall’ambulatorio per far entrare una ragazza all’ottavo mese, per un controllo.
    ricordo che mi proposi di finire dopo la visita per le dimissioni perchè volevo che quella mamma venisse rassicurata al più presto, ero così fiduciosa.
    non dimenticherò mai il suo pianto che mi colse nel corridoio, ancora mi vengono i brividi.
    non dimenticherò mai quella mamma e il suo bimbo, non dimenticherò il senso di gratitudine che mi colse nel poter stringere il mio bimbo, non dimenticherò quanto mi sembrò più accettabile la difficoltà del mio parto e allo stesso tempo la paura della consapevolezza improvvisa che qualcosa avrebbe potuto andare storto e forse mi avevano fatto rischiare inutilmente l’irreparabile.
    non li conosco non li conoscevo eppure la penso spesso, e il ricordo mi strazia ancora, e prego che possa il suo cuore aver trovato un po’ di pace.
    scusate se mi sono dilungata ma quest’esperienza proprio nella sua dicotomia mi ha colpito moltissimo.

      • Jasmin Carolina Olivo Marinez

      • 4 anni fa

      capisco el vostro dolore mi dispiace ioho perso tre bambini sempre al 5 mese di gravidanza ancora ci penso no me do pace una esperienza brutta 3 giorni stato mi ultima perdita un Angeleto.

    • E.

    • 8 anni fa

    Io ho perso Sara e 27 w 8partorita, tenuta in braccio, fotografata, sepolta…) e briciola a 6, non ho mai visto nemmeno battere il suo cuore, Ora c’è Sofia con me, ma ogni volta che qlc mi chiede “hai solo lei?” ed io rispondo “sì”, mi sento morire dentro, perché è come se tradissi gli altri miei figli.. ma non è così, loro sempre con noi, anche se mancheranno sempre..

    • Nicoletta

    • 8 anni fa

    Alla mia principessa Vanessa, seconda figlia, nata morta alla 38ª settimana di gravidanza (9° mese) per una trombosi placentare il 14 novembre 2012.
    Siamo in tante e fra di noi ci si capisce… portiamo i nostri meravigliosi figli nel cuore.
    Io l’ho vista, l’ho accarezzata e la tengo sempre nei miei più dolci pensieri.

    • simona

    • 8 anni fa

    Non avrei potuto descrivere meglio i miei sentimenti..il 2 settembre di 7 anni fa subivo un raschiamento, il cuore del mio cucciolo, 10settimane, non batteva più. Non una goccia di sangue solo molta debolezza e l’ecografia rivelò perché. Era il secondo bimbo, ne sono arrivati altri2 e anche noi diciamo sempre di avere 4figli.Un abbraccio a tutte

    • Nicole

    • 8 anni fa

    Finalmente qualcuno che parla di questo argomento in modo intelligente e trasparente. Mio figlio Teodoro se c’è andato a nove mesi di gravidanza…Il suo silenzio al mondo è rumore nel mio cuore. Un bacio e un grazie grandissimi.

    • Tamara

    • 8 anni fa

    Io ho 4 angioletti in cielo, il primo volato alla 10^ settimana, il secondo all’8^, la terza -la mia piccola dolcissima Ingrid, è salita fra gli angeli alla 20^ settimana e l’ultimo angioletto alla 9^ settimana. E poi ho tre meraviglie qui con me di 20, 13 e 4 anni. Ma dimenticare è impossibile: i miei angioletti sono sempre nel mio cuore

    • freakles

    • 8 anni fa

    ..due gravidanze biochimiche..due piccolini persi a 8 e 15 settimane..esami..un intervento correttivo all’utero..due tentativi di fecondazione assistita..un matrimonio finito ..un ex comapgno scappato al secondo aborto..oggi ho 45 anni..le braccia vuote..un buco nel cuore..ho solo questo, qualche ecografia e un calendario speciale..e un vuoto che non si colmerà mai..solo oggi riesco a dirmi che non sarò mai madre..che a volte i sogni restano tali..e ti sfuggono fra le mani per un soffio.

    • Paola

    • 8 anni fa

    Il 24 dicembre 2010, avevo un controllo di routine, ero all’ ottava settimana ed ero al settimo cielo,sarebbe nato in luglio, un bambino che io e mio marito avevamo cercato per tanto tempo, MI DISPIACE SIGNORA, NON C’E’ BATTITO…quello che mi ricordo fu il mio silenzio e le lacrime, le tante, tantissime lacrime che segnarono quei giorni. Anche adesso sto piangendo, se penso che il mio piccolo/a adesso avrebbe poco piu’ di due anni se fosse qui…purtroppo non sono piu’ rimasta incinta anche se io e mio marito continuiamo a provarci. Comunque vada, io nel mio cuore, mamma lo sono gia’. un saluto e un abbraccio mamme speciali

    • stefania

    • 7 anni fa

    Ciao A Tutte Sono Una Mamma Di 24 Anni Ho Una Bellissima Bambina Di 2 Anni E Mezzo Oggi Per La Seconda Volta ho un angioletto che e volato in cielo l’Umore E A Terra E Non Ci SonO Molte Parole Domani Mattina mi fanno il raschiamento Il Dolore Ti avvolge e perdi tutta la fede che hai dentro sto una schifezza

    • simona

    • 6 anni fa

    Ciao a tutte io ho perso il mio Emanuele lo scorso 14marzo a 27 settimane+6 per una trombosi placentate,un bimbo atteso da due anni e mezzo,avevo fatto l’ecocrafia l’11marzo ,l’avevo sentito muoversi,durante l’ecografia mi ha tirato un bel calcione e poi ho visto il suo visino in 3D, si strusciava gli occhietti e si metteva il ditino sinoul nasino, quell”immagine mi aveva riempito di gioia, dissi finalmente ti fai vedere bene amore mio(alla morfologica non ero riuscita a vederlo bene per via della posizione), poi la dottoressa disse:”veniamo alle cose serie, il bimbo è piccolo per l’età gestazione, lei signora ha un’inizio di insufficienza placentare, vuol dire che non arriva abbastanza ossigeno al bambino,le dico già che nascerà prematuro, da oggi deve fare un controllo di pressione al giorno e un’ecografia una volta alla settimana”, sono uscita da li in lacrime, significava che il mio corpo stava facendo soffrire il mio piccolo, la notte non sono riuscita a dormire, dalla mattina dopo(12marzo) non l’ho più sentito muovere, pensavo stesse dormendo o che fosse stanco, ma alla sera ancora niente così il giorno dopo (il 13marzo)sono andata in ospedale, una coltellata al cuore, mi hanno detto testuali parole:”è andata male signora, sono cose che capitano”…volevo morire. …36 ore di travaglio per abbracciare il corpicino senza vita del mio Emanuele, io e mio marito stretti stretti a lui, gli abbiamo parlato, baciato e dedicato una canzone, per poi salutarlo, qualche giorno dopo funerale e ultimo saluto…addio cucciolo mio mamma è papà ti amano tanto e sperano di darti presto un fratellino o una sorellina….mma non ti dimenticheremo mai, sei il nostro angioletto custode

      • redazione

      • 6 anni fa

      Il nostro abbraccio so non poter molto contro il tuo dolore…Un dolore al quale si aggiunge l’incapacità e la mancanza di empatia del personale che hai incontrato…Mi sento di consigliarti – se ancora non lo conoscessi – non soltanto la lettura di “Quando l’attesa si interrompe”, ma anche il sostegno dell’associazione CiaoLapo Onlus (https://www.ciaolapo.it/). Madri che hanno vissuto il tuo stesso terribile lutto, un luogo dove di certo troverai accoglienza, comprensione, sostegno…e nel tempo di nuovo il sorriso della speranza. Un abbraccio fortissimo, Simona.

    • Giorgia

    • 6 anni fa

    Che dolore immenso, mi dispiace così tanto… parole non ce ne sono ma se posso ti mando un abbraccio forte forte. un pensiero colmo di speranza per voi.

  1. Ho 18 anni e ho perso il mio bambino qualche mese fa… soffro di ansia e attacchi di panico e non sapendo ancora di essere incinta ho fatto per un mese una cura.. Adoro i bambini e quando ho scoperto di essere incinta mai ho pensato all aborto o all adozione nonostante il dover ancora finire la scuola e tutti gli altri progetti che mi posta, ero felice di poter mettere al mondo una piccola è meravigliosa creatura. Ma una settimana dopo averlo scoperto l ho perso, ero all inizio del secondo mese.. Passo spesso le notti a pensare a lui e a sentirmi in colpa di non aver protetto il mio bambino come meritava.. Di non essermene accorta prima di non aver dato il giusto peso quando la notte ( ancor prima di saperlo) mi svegliavo ed inconsciamente mi massaggiavo la pancia… Tutti se ne sono giá dimenticati ma io non posso, per me è nel mio cuore! continuerò ad amarlo più della mia stessa vita per sempre…

    • Giorgia

    • 6 anni fa

    Francesca… un pensiero speciale per te.

    • Katy

    • 5 anni fa

    Ciao sono Katy, anche io ho peso un bambino l’11marzo 2016 avevo due mesi in mezzo… Ancora non sono riuscita a fronte all’accaduto…

    • Giorgia

    • 5 anni fa

    Katy, ci spiace tantissimo. Un abbraccio…
    Giorgia

    • Francesca

    • 5 anni fa

    Ciao a tutte, l’altro ieri (10/07/2016) ho perso Mattia a 25 settimane di gravidanza. Mi hanno chiesto se volevo un supporto psicologico, ma ho risposto di no.. infondo che ne sa una psicologa come posso sentirmi se non ha avuto questo tipo di esperienza?? Preferisco trovare sfogo in questo blog perché so che provate (o avete provato) quello che provo anche io. Dopo 30 ore di travaglio, 5 candelette e due flebo di ossitocina, ho dato alla luce il mio angioletto Mattia di appena 650 g… me lo hanno portato accanto in un lenzuolo verde.. all’inizio avevo paura a scoprirlo, a vedere com’era. .. poi tra pianti e grida piano piano l ho scoperto.. ho preso la sua manina, poi gli ho accarezzato il braccino verso tutto il suo corpicino rossastro… infine ho guardato il suo visino addormentato, con gli occhi chiusi e le labbra socchiuse. .. aveva il mento del suo papà e le labbra della sua mamma… era un bambino in miniatura, ma bellissimo… mi hanno vietato di farli una foto… spero possa il suo corpicino rimanermi impresso per tutta la vita…. sulla tua lapide non ci sarà una foto, ma ci sarà per sempre l’amore della tua mamma. Spero che proteggerai un’eventuale fratellino da lassù. .. spero che non hai rancori verso di me che non sono stata capace di proteggerti.. ..

    • Giorgia

    • 5 anni fa

    Francesca, carissima, che dolore. Il nostro pensiero è per te. Il tuo piccolo Mattia ti ama, la vita ha voluto che lui fosse il tuo bambino in Cielo, e non c’era nulla che tu potessi fare, ma sarà sempre con te e lo terrai al sicuro nel tuo cuore. Un abbraccio grande.

    • Giorgia

    • 5 anni fa

    Se e quando ti sentirai pronta, nel libro Quando l’attesa si interrompe, da cui nasce questo articolo e questa condivisione, potrai trovare le testimonianze di altre mamme che hanno vissuto la perdita dei loro bimbi.

    • Nicoletta

    • 5 anni fa

    Tesoro ti abbraccio forte!
    Io dopo la morte di Vanessa a 37+4 e poi di Simona a 17 settimane, ho avuto tanti segni della loro presenza vicino a me.
    Anche io ero afflitta dal non aver protetto le mie bimbe, ma questi purtroppo sono scherzi della mente, son cose che purtroppo succedono, spesso causate da problemi non diagnosticati.
    Nel mio caso ho insulinoresistenza che ha causato le mie due perdite.
    Dopo, è arrivata Aurora che ora ha 14 mesi e la vita non aveva finito le prove per me, ho contratto il citomegalovirus in gravidanza, placenta positiva e lei positiva al virus.
    Tanta paura, mi volevano far abortire… ma ci tenevo troppo… è nata sana, positiva al virus ma asintomatica.

    Vedrai che il tuo piccino ti proteggerà, ora fai tutti gli accertamenti per trovare la causa, per me ha fatto molto trovare il motivo per cui morivano le mie bambine ed è servito ad aver una gravidanza più controllata dopo.

    Un bacino a te ed al tuo cucciolo fra le stelle!

    • Miriam

    • 8 mesi fa

    Io ho appena 22 anni..aprile 2020 rimango incinta inaspettatamente. Quando l ho scoperto ero già un mese e mezzo ed essendo affetta da diabete ho più possibilità di andare incontro ad un aborto. Non ho mai pensato a questa opzione, io e il ragazzo così felici stavamo già pensando alla casa e a sposarci e poi alla visita di controllo non si sentiva il battito. Da quel giorno è cambiato tutto nella mia vita qualcosa si è rotto dentro di me..sono passati 7 mesi ma non ce giorno in cui non pensi al mio piccolo angelo. Ho sognato il giorno del parto in cui mi dicevano che era un maschietto

      • Giorgia Cozza

      • 8 mesi fa

      Miriam, mi dispiace tanto. E’ davvero un dolore enorme. C’è qualcuno accanto a te con cui puoi confidarti? Pian piano il dolore si farà meno struggente, ma il tuo piccolo angelo sarà sempre con te, nel tuo cuore. Ti mando un abbraccio forte.
      Giorgia

    • Eliss

    • 6 giorni fa

    Ho perso la mia Viola Maria alla 31 settimana x distacco massivo di placenta, mi manca tanto. Mi sono sentita in colpa x nn averla protetta. Ti penso sempre ogni giorno. Ti voglio bene ovunque tu sia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Accetto i Termini e Condizioni e la Privacy Policy

×