Durata del parto: oggi 2 ore e mezzo in più

Secondo un recente studio americano, oggi i parti hanno una durata media di sei ore e mezza, contro le quattro ore di 50 anni fa. Per ottenere questi risultati, i ricercatori hanno messo a confronto quasi 140.000 nascite degli anni Sessanta e degli anni Duemila.

Perché oggi i parti risultano più lunghi? Secondo lo studio ciò si spiegherebbe innanzi tutto con l’età della donna al momento del concepimento, che ai nostri giorni si verifica in età più tardiva.

Le future madri, inoltre, peserebbero di più rispetto alle loro nonne e i bambini sono mediamente più grandi: tutti fattori che rallenterebbero la durata del parto…

Anche i diversi metodi di parto influirebbero: la peridurale, attualmente molto diffusa, evita di soffrire durante il parto e ciò rappresenta una benedizione per molte donne. Dall’altra parte, però, questa anestesia allungherebbe la durata del parto di 40-90 minuti.

Anche i parti indotti allungherebbero i tempi in quanto il travaglio, non iniziando spontaneamente, durerebbe più a lungo.

Secondo il dottor Ware Branch, co-autore dello studio, è normale che i risultati dello studio non piacciano agli ostetrici “pro-peridurale”.

Per i ricercatori quel che importa maggiormente è essere in grado di riflettere sulle conseguenze delle attuali pratiche mediche: sempre recentemente, uno studio INSERM ha messo in guardia contro l’uso dell’ossitocina, il quale sarebbe all’origine delle emorragie post-parto.

Qualche mese fa l’Assurance Maladie ha manifestato i propri timori nei confronti del numero sempre maggiore di cesarei programmati.

Metodi che sicuramente permettono di partorire senza dolore o di accompagnare meglio le donne incinta, ma che rimangono tuttora controversi.

E voi, quanto è durato il vostro parto?

Traduzione dal francese di Laura Tenorini

tratto da www.famili.fr

Potrebbe interessarti anche