Bambino iperattivo? Non sempre

Uno studio condotto dall’Università di Siviglia su un campione di 140 bambini, sospettati di soffrire del disturbo da deficit di attenzione con iperattività, ha dato prova del fatto che circa il 40% delle diagnosi erano errate.
Inmaculada Garcia Moreno, docente di Psicologia e direttrice del progetto, lamenta che “molti bambini sono spesso trattati con i farmaci inutilmente: dunque è molto importante effettuare una diagnosi accurata del disturbo”.
Per questo motivo consiglia di limitare al massimo l’uso dei farmaci e optare, invece, per il neurofeedback, cioè per l’approccio psicoterapeutico: questo permetterebbe di arrivare gradualmente a cambiamenti significativi, anche perché nessuna terapia di tipo farmacologico si è ancora rivelata realmente efficace nella risoluzione dei problemi dei bimbi affetti da iperattività.

Potrebbe interessarti anche