La salute dei bambini in un…sorriso

Lo spazzolamento dei denti dei bimbi con mamma o papà è sicuramente un momento educativo, ma per voi genitori è il momento in cui riuscite a fare un ”esame clinico” della bocca dei vostri figli.

Come dice il mio collega odontoiatra, dott. Guido Benedetti, il primo “occhio clinico” della bocca del vostro piccolo è quello del genitore. Chi meglio di mamma e papà, per primi, possono intercettare qualsiasi cambiamento e novità nella bocca dei piccini?
Quindi, genitori, durante lo spazzolamento serale (consiglio la sera perché è il momento della giornata meno frenetico!) controllate sempre scrupolosamente non solo i dentini dei vostri bimbi, ma anche labbra, lingua, palato, gengive e guance!
Oltre a eliminare al meglio la placca batterica (e da igienista dentale non mi stancherò mai di dirlo!), il vostro occhio attento deve cadere sempre sulle parti rosa della bocca: spesso le malattie infettive dell’infanzia possono avere manifestazioni all’interno del cavo orale.
A voi genitori non verrà mai richiesto di riconoscerle e distinguerle con precisione, ma di sicuro un’attenta visione da parte vostra vi consentirà di portare il vostro piccolo prontamente dal pediatra, risparmiandogli ulteriori fastidi!
Cito qualche esempio, non per farne un elenco da enciclopedia, ma perché credo che con gli esempi sia tutto più semplice!

La cosidetta “lingua a fragola”, lingua con una macchia rossa piuttosto rotonda al centro della lingua è caratteristica dei bimbini con la scarlattina, infezione da Streptococco.

La lingua ricoperta da una patina biancastra, che si riesce a rimuovere con una garzina, può essere l’espressione dell’infezione da Candida, il famoso “mughetto dei bambini”.

E ancora vescicole, bollicine, arrossamenti sulle mucose della bocca e sulle gengive possono essere manifestazioni del virus della varicella, dell’herpes zoster (o comunemente chiamato il “fuoco di sant’Antonio”), della mononucleosi o ancora della malattia “mani-bocca-piedi“, tutte malattie virali e molto frequenti nei bambini durante l’infanzia.

Solitamente, se le lesioni orali sono numerose o estese, e il bambino avrà difficoltà e fastidio a mangiare e a deglutire, scegliete sempre cibi piuttosto freschi e semi-liquidi ed evitate le spezie.

Difficilmente si lascerà spazzolare i denti, mai collutori con alcool: passate delicatamente la famosa garzina inumidita, per rimuovere i residui di cibo e i batteri, tenete sempre la bocca del vostro piccino più pulita possibile, per evitare le sovrainfezioni che si possono creare sulle lesioni stesse.

Bocca….specchio di una salute generale!

Valeria Scarafile

Potrebbe interessarti anche