VIDEO – I bambini in cucina imparano a condividere il cibo

Chi lo dice che in cucina si mangi e basta? In cucina si impara, e più spesso di quanto crediamo siamo noi a dover apprendere dai nostri bambini che sorprendentemente ci pongono di fronte ai nostri stessi limiti.
Guardate questo video girato per la raccolta di fondi contro la fame nel mondo di Experimento Comparte promosso dall’ACH. Alcune coppie di bambini vengono fatei sedere ad un tavolo trovando di fronte a loro dei piatti il cui contenuto è celato da un coperchio, ma solo uno tra di loro troverà un delizioso sandwich, eppure tutti i bambini coinvolti nel filmato dimostrano di voler condividere il loro panino con il compagno che invece non ce l’ha, e lo fanno con assoluta naturalezza e spontaneità.

Posti di fronte ad un dilemma che richiama il problema della iniqua distribuzione del cibo, tutti i bambini dimostrano di saper condividere e lo fanno senza bisogno di forzature da parte nostra perché naturalmente empatici e pronti ad immedesimarsi negli altri.
In un mondo che possiede le risorse per sfamare il doppio della sua popolazione totale, tre milioni e mezzo di bambini ogni anno muoiono per problemi legati alla denutrizione o alla malnutrizione. E’ un imperativo morale per noi genitori coltivare e sostenere qualità ed inclinazioni che sappiamo essere naturalmente presenti nei bambini per non lasciarli sprofondare nello stato di rassegnazione ed ineluttabilità nel quale ci troviamo noi adulti.
Un modo efficace per iniziarli a riflettere e sviluppare consapevolezza della dolorosa piaga della fame nel mondo.
Spesso infatti i nostri lamenti sulla denutrizione di bambini meno fortunati di loro di fronte all’ennesimo piatto di avanzi finito nella spazzatura suonano ai nostri figli come vuote ed astratte ammonizioni prive di valore, mentre l’esempio concreto risulta molto più efficace e persuasivo. Il messaggio è chiaro: se chi possiede di più rinunciasse ad un po’ di quello che ha, ci sarebbe cibo per tutti. Dolorosamente vero.

Michela Boscaro


Potrebbero interessarti anche