Crescere i bambini con i “metodi” aiuta?

Il vostro bimbo di pochi mesi non cammina? Dovete sempre prenderlo in braccio o trasportarlo con fascia o passeggino per muoverlo? Così non va… Non imparerà mai a camminare! Dovete seguire il metodo infallibile del manuale “Fate i primi passi” per insegnare al vostro piccolo a camminare e non stancare le vostre braccia e le vostre schiene!

Il vostro bimbo di pochi mesi non parla? Dovete sempre sforzarvi di interpretare i suoi versetti, i suoi monosillabi ripetuti o, peggio ancora, il suo pianto? Così non va… Non imparerà mai a parlare! Dovete seguire il metodo infallibile del manuale “Dite le prime parole” per insegnare al vostro piccolo a comunicare correttamente e in modo sensato!

Il metodo è semplice: è sufficiente lasciar piangere il bambino per intervalli di tempo sempre più lunghi, senza toccarlo o men che meno abbracciarlo e ripetergli “adesso è ora di camminare/parlare”, finché il piccolo capisce e smette di cercare il vostro aiuto con il pianto!

Perché quelle espressioni sorprese? È lo stesso metodo usato per insegnare ai bambini piccolissimi a dormire tutta la notte come i grandi quando non sono ancora fisiologicamente in grado di farlo…

Se non vi convince, mi fa piacere. 🙂

“Fate i primi passi” e “Dite le prime parole” non esistono, ma Fate la nanna sì, ed è talmente diffuso che molti ormai non si sorprendono più di fronte al metodo proposto per “insegnare a dormire” ai bambini.

Torniamo a sorprenderci!

I bimbi piccini sono diversi dagli adulti… sono bambini. Quindi non mangiano come gli adulti, non camminano come gli adulti, non parlano come gli adulti e non dormono come gli adulti.

Poi crescono e imparano e diventano capaci e si trasformano… E non sono più bambini, ma adulti.

crescere-bambini

Accettiamo la normalità dei nostri bambini, di giorno e di notte, con pazienza e amore.

La consapevolezza che i risvegli notturni fanno parte della crescita probabilmente non ci renderà meno stanchi dopo una notte difficile, ma forse potrà farci sentire più sereni, e rendere la nanna più facile

Giorgia Cozza


Potrebbero interessarti anche

Libri sull'argomento