Bruxismo e Fiori di Bach

Un problema molto diffuso per cui i genitori mi contattano spesso e che risponde molto bene alla terapia con i fiori di Bach è il bruxismo.

Il bruxismo (dal greco βρύχω, brùcho, «digrignare (i denti)») consiste nel digrignamento dei denti facendoli stridere, dovuto alla contrazione involontaria della muscolatura masticatoria; si verifica soprattutto durante il sonno.

È un disagio molto frequente nell’infanzia e interessa un bambino su dieci.

Secondo Gilles Lavigne, un ricercatore canadese esperto in bruxismo, l’anomalia può considerarsi conclamata quando si verificano quattro episodi di digrignamento per ora di sonno.

La diagnosi non è facile, soprattutto nelle persone adulte, perché il soggetto spesso non è consapevole di avere questo problema fintanto che i segni non diventano visibili.

Le cause del bruxismo non sono del tutto chiare: sembra che siano implicati fattori anatomici dovuti a mal occlusione dentale, fattori psicologici, in particolare ansia e stress, fattori correlati al sistema nervoso centrale e anche all’uso di determinati farmaci.

Per esempio, alcune ricerche hanno messo in evidenza che l’uso del metilfenidato (Ritalin), il farmaco utilizzato per trattare i bambini con Disturbo da deficit di attenzione e iperattività, causi un bruxismo severo.

In ogni caso i fattori anatomici dentari ed ossei della mascella sono ritenuti poco influenti rispetto al peso dei fattori psicologici. Complessivamente, è dunque possibile considerare il bruxismo come un disturbo del sonno legato allo stato emotivo del soggetto.

ll bruxismo si verifica nei bambini, specialmente nel periodo della dentizione mista.

Questo bruxismo, entro certi limiti, può considerarsi fisiologico. Si tratta di un bruxismo molto rumoroso. I motivi sono da ricercare nella precarietà dei contatti occlusali durante la dentizione decidua. In genere, il problema termina alla perdita di tutti i denti da latte e non va trattato.

Se però non scompare quando la dentizione permanente si completa, tende a persistere in età adulta e a provocare disagi evidenti: usura e deterioramento dell’arcata dentaria, infiammazioni gengivali, sensibilità al caldo e al freddo, malocclusione della mascella, difficoltà nello sbadigliare e nell’aprire al massimo la bocca, dolori al collo, alle spalle e alla cervicale, vertigini; oltre che ovviamente un sonno poco ristoratore.

La terapia classica prevede l’utilizzo del bite, una mascherina di resina da applicare sui denti prima di coricarsi. È utile per la protezione della dentatura ma non per risolvere il problema.

Dal punto di vista della floriterapia e di un approccio integrato quello su cui è importante soffermarsi non è tanto il sintomo ma il fatto che questo disturbo, in molti casi, può essere un campanello di allarme e una richiesta di aiuto da parte del bambino.

Nei piccoli che ho incontrato il bruxismo si presenta soprattutto in età scolare e nei momenti di maggior stress e richieste da parte dell’ambiente in cui vivono.

L’accumulo di tensione e di aggressività durante il giorno, se non opportunamente rielaborato e rilasciato, trova così il modo di esprimersi nel sonno. In questo modo la rabbia che si vorrebbe sfogare all’esterno viene rivolta verso sé stessi.

Per affrontare il problema dal punto di vista emotivo ed andare ad agire sulle cause, i fiori di Bach sono molto efficaci.

Vi elenco quelli che ho utilizzato più spesso, anche se non si può mai generalizzare. Infatti è sempre necessario approfondire la situazione, lo stato emotivo e la personalità del singolo bambino.

Cherry Plum

È il fiore utile al bambino che vive costantemente in uno stato di tensione acuta. Bach parlava addirittura della paura di impazzire, di commettere atti inconsulti. L’essenza lavora sull’asse controllo/caos. È utile sia al bambino che trattiene le proprie emozioni sia a quello che non riesce a controllarle.

Parola chiave: equilibrio emotivo

Willow

Il rimedio ottenuto dal Salice piangente è particolarmente indicato in tutte quelle situazioni in cui il bambino non esprime la propria rabbia in modo esplicito e diretto. La rabbia trattenuta può cronicizzarsi e diventare un sintomo a livello fisico. Questa condizione si verifica molto spesso nelle dinamiche tra fratelli, quando il bambino sente di essere trattato ingiustamente dai genitori e accumula risentimento; di solito si tratta del fratello più grande.

Parola chiave: comprensione

Agrimony

Il bambino Agrimony è sempre sorridente, di giorno; di notte può rilasciare le proprie tensioni sotto forma di bruxismo, oppure soffrire di tic o mangiarsi le unghie. In questo caso, non si tratta di una condizione legata a fattori esterni, ma è proprio una modalità di gestire le emozioni tipica di questo bambino il cui massimo desiderio è che tutto sia in armonia: per evitare ogni scontro è disposto a sacrificare e nascondere le proprie necessità e preoccupazioni.

Parola chiave: pace interiore

Centaury

Questa essenza è indicata per quei bambini troppo buoni e disponibili che tendono a subire le pressioni dei coetanei più forti o degli adulti. Desiderano fare tutto perfettamente e si impegnano molto in tutto quello che fanno; sono molto sensibili agli elogi e ai rimproveri e hanno bisogno di ricevere l’approvazione altrui. Fanno fatica ad imporsi e a mettere un limite tra sé e gli altri.

Parla chiave: volontà

Rock Water

Questo rimedio è utile per i bambini molto perfezionisti, abitudinari, disciplinati che amano l’ordine e la pulizia. Hanno un senso del dovere eccessivo, prima il dovere e poi il piacere. Sono molto ripetitivi e chiusi nei loro schemi, hanno molte difficoltà a far liberare e fluire le emozioni.

Parola chiave: flessibilità

Se avete dei dubbi, curiosità, delucidazione, scrivetemi!

Potrebbe interessarti anche

Libri sull'argomento