Scegliere i materiali per la cameretta in stile montessoriano

È arrivato il momento di organizzare la cameretta? Hai alcune idee e necessità di orientarti nella scelta?

Se hai letto il mio articolo precedente 1+1=3 e a casa come ci sistemiamo? sai che progetto camerette di ispirazione montessoriana, ascoltando i desideri dei genitori e sedendomi ad altezza bambino, per meglio comprendere le sue esigenze.


Il bambino è competente fin dalla nascita ed estremamente ricettivo, per questo è necessario creare un ambiente stimolante che lo incuriosisca senza iperstimolarlo. Riflettere e domandarsi con consapevolezza “cosa voglio comunicare?” può aiutarti nel prendere le decisioni giuste; questo perché secondo Maria Montessori lo spazio è un insegnate silenzioso, per esempio un libro accanto ad una poltrona, a cosa ti fa pensare? A me, che potrei sedermi e leggerlo. Allo stesso modo considera che ogni arredo e materiale che posizionerai nella cameretta “invierà un messaggio al bambino.”
Lo spazio deve favorire la libertà e l’indipendenza; allo stesso tempo deve essere ospitale, funzionale e sicuro.
Quali sono i criteri da tenere in considerazione per creare una cameretta secondo questi principi:

  • scegliere un ambiente spazioso poiché sarà il luogo di giochi e scoperte, oltre che del riposo;
  • delimitare le aree – è utile utilizzare dei tappeti – il bambino deve comprendere facilmente quale attività può fare in quell’area;
  • progettare una cameretta flessibile e trasformabile poiché dovrà crescere con il bambino per continuare a rispondere ai suoi bisogni;
  • collocare arredi a misura di bambino che siano nelle loro parti basse accessibili, per favorire la sua indipendenza nel vedere – da neonato – e prendere – appena ne sarà capace – i materiali in autonomia.
  • utilizzare colori neutri e accoglienti per decorarla e nella scelta dell’arredo perché il bambino passerà qui molto tempo e i giusti colori aiutano a rilassare la vista, stimolare la concentrazione e non innervosirlo.

Una volta organizzato lo spazio, i criteri per scegliere i materiali in stile montessoriano sono:

  • integri e completi cioè non rotti e offerti insieme se sono composti da più parti, per non essere pericolosi e confondere il bambino, per esempio che senso ha proporgli un incastro se mancano parti da incastrare? Pensaci!
  • chiari cioè non confusivi, senza troppi stimoli;
  • naturali;
  • reali cioè della vita di tutti i giorni;
  • poveri in modo che stimolino la fantasia, consentano l’esplorazione senza un percorso guidato.

Come proporre i materiali?

  • ad altezza bambino, cioè su un piano che possa raggiungere in autonomia. Ricorda “ciò che vede, può essere suo, ciò che non vede scegli tu quando e come proporlo”;
  • disposti con ordine in modo che siano presentati con chiarezza e facili da riordinare;
  • pochi per evitare la iperstimolazione e caoticità;
  • riconoscibili in modo che possa conoscerli gradualmente e farne esperienza progressivamente.

Continua ad osservarlo chiedendoti di tanto in tanto: che bisogni ha in questo momento, come vive l’ambiente circostante? In base alle risposte che ti darai, ritira alcuni materiali e proponigliene altri, ruota i giochi.
Se ti interessa approfondire l’argomento, ti aspetto il mese prossimo con la pubblicazione di un nuovo articolo in cui tratterò il tema dell’organizzazione delle aree della cameretta in stile montessoriano.

di Chiara Palmieri (pedagogista e interior designer, curatrice del sito Passione a mano libera)

Potrebbe interessarti anche

Libri sull'argomento