Le giostrine Montessori per il neonato

Le giostrine Montessori, o mobiles, sono delle giostrine visuali, realizzate con materiali semplici, che accompagnano la crescente competenza visiva del neonato e si appendono al soffitto.
In questo articolo, Chiara Palmieri, pedagogista e designer, ci spiega perché preferirle a quelle classiche vendute nei negozi di giocattoli, e come si usano. Trovi anche il tutorial per costruire la giostrina Munari, la prima personalissima giostrina Montessori fai da te da proporre al tuo bambino!


Meno è meglio

«Quali giochi dovrò proporre al bambino quando nascerà? Come si passerà il tempo?»
Questa è una delle domande più frequenti che ricevo dalle future mamme. Se per alcuni la risposta può essere scontata, per tanti neogenitori non lo è affatto.
Quando il bambino nasce ha bisogno di stare a contatto con la sua mamma e il suo papà, di sentirli, di viverli, non ha bisogno di altro che di amore, calore e nutrimento. Non è necessario intrattenerlo.
Vi racconteranno che serviranno oggetti e che saranno tanti, che non potrete vivere senza lo sterilizzatore oppure senza la lampada che proietta le stelline blu sul soffitto. Questione di punti di vista.
Apprezzerete l’essenzialità come non lo avete mai fatto prima e vi sentirete appagati dalle piccole vostre conquiste quotidiane.

Tornando ai giochi, capisco e comprendo la voglia di avere qualcosa a disposizione per il bambino e allora vi propongo di costruire insieme le giostrine per il neonato di ispirazione montessoriana.

Cosa sono le giostrine Montessori?

Le giostrine Montessori sono costruite con un insieme di forme di colori e materiali precisi, montati su alcuni bastoncini che le tengono in equilibrio.
Sono l’alternativa alle più classiche giostrine in plastica colorata sgargiante che ronzano sulle culle e sui fasciatoi a ritmo di musica dance.
Perché preferire queste giostrine alle classiche vendute nelle farmacie e nei negozi di giocattoli?

  • Sono state ideate considerando lo sviluppo della vista del neonato che cambia nei primi mesi di vita e quindi vanno proposte a rotazione
  • Sono fatte da mamma e papà a mano, quindi hanno un valore speciale
  • Sono fatte di cartone e legno
  • Sono più economiche

Come si usano?

Non è consigliabile proporre solo una giostrina, ma una serie di giostrine presentate con una rotazione precisa (dalla più semplice alla più complessa ) con un intervallo che va dalle due settimane al mese circa o quando il bambino dimostra di non essere più interessato alla precedente.

Perchè?
Per Maria Montessori l’ambiente è uno dei fattori più importanti per lo sviluppo del bambino perché se in esso troverà stimoli giusti e possibilità di esercitare le abilità acquisite, la crescita sarà armoniosa. È quindi molto importante non sovrastimolare il bambino, ma rispettarlo nelle tappe della sua crescita, proponendo gradualmente nuovi stimoli, ma mai troppi.

La giostrina Munari fai da te

La pazienza è uno degli ingredienti fondamentali per costruire le giostrine, ma le mamme in attesa si allenano tanto su questo, vero?
State pensando da che parte cominciare?
Voglio aiutarvi proponendovi di scaricare il cartamodello e le istruzioni di assemblaggio per costruire la prima giostrina a casa vostra, cioè la giostrina Munari, consigliata dalla nascita.
Sarà facile costruirla perché potrete seguire le istruzioni nel dettaglio e ricalcare le forme che ho già disegnato per voi.
Cliccate qui per scaricare il cartamodello e le istruzioni di assemblaggio.

Sono a disposizione per un aiuto o per altre informazioni!
Scrivetemi all’indirizzo info@mio-mio.it


di Chiara Palmieri
Pedagogista e Room Designer di Mio Mio – Room Design per Bimbi Indipendenti.

Potrebbe interessarti anche

Libri sull'argomento