Educazione e libertà

E’ concezione corrente che l’educazione sia l’azione con la quale l’educatore dirige lo sviluppo dell’educando, trasmettendogli valori, regole, visioni del mondo. Dietro l’educatore c’è la società con le sue esigenze e le sue aspettative. L’educazione è dunque un processo di adattamento alla società e di riproduzione dei modelli culturali, economici e politici dominanti. C’è però un’altra concezione dell’educazione: minoritaria, antagonista, alternativa. E’ la concezione dell’educazione come apertura verso una società diversa, migliore di quella che abbiamo; e lotta contro ciò che di alienante e inautentico è nelle stesse istituzioni educative.

E’ la tradizione delle pedagogie libertarie, nonviolente, critiche, di cui questa rubrica si occuperà. Insieme all’educazione “degli altri”, vale a dire le concezioni educative dei Paesi non occidentali, con particolare attenzione all’Oriente ed alla sua spiritualità.

La rubrica è curata da Antonio Vigilante, pedagogista e studioso della nonviolenza, nonché direttore scientifico della rivista Educazione Democratica.

Sullo stesso argomento ti segnaliamo i libri  Libertà e amoreAmarli senza se e senza maE se poi prende il vizio Genitori con il cuore, che potete acquistare direttamente sul nostro catalogo.