Progetto Nascita. Perché i progetti sono vita… e ogni vita è un progetto!

Forse ti stai chiedendo qual è il modo più giusto per far nascere il tuo bambino oppure le informazioni fino ad ora ricevute non ti soddisfano e vorresti approfondire.

Magari tu e il tuo compagno vorreste seguire, per la nascita del vostro bambino, un percorso più vicino possibile ai processi naturali.

Oppure avete appena avuto il bambino ma siete in crisi perché “non funziona” come vi era stato insegnato: non dorme regolarmente, piange sempre, sembra sempre affamato, non sei sicura di avere abbastanza latte.

Michel Odent nel libro L’agricoltore e il ginecologo definisce Periodo Primale quello che inizia con il concepimento, comprendendo la vita fetale, il momento del parto e tutto il primo anno di vita, come il periodo di totale dipendenza dalla madre e ciò che succede in questo periodo avrà delle conseguenze importanti per la vita adulta.

Progetto Nascita

– Vuole trasferire ai futuri genitori le informazioni e le competenze utili per operare scelte informate che possano assicurare a tutti un buon grado di soddisfazione.

– Realizza quindi un aiuto efficace a costruire un buono stato di benessere e quindi di salute, in alternativa a una più diffusa abitudine di ricercare patologie specifiche.

Per raggiungere questo obiettivo si propone di:

– dare appoggio e sostegno alle donne e alle coppie in tutto il periodo perinatale, cioè dal concepimento al primo anno dopo la nascita.

– promuovere il ruolo attivo e decisionale dei genitori

– sostenere i genitori dopo l’evento della nascita, nell’allattamento, nella ripresa al lavoro della donna, nella scelta del Nido, nello svezzamento.

– facilitare la possibilità di fare scelte informate, sicure e responsabili attraverso corsi, dibattiti, incontri, eventi …

– promuovere incontri nel periodo dopo-parto e la nascita di gruppi di auto-aiuto.

A chi si rivolge

– Donne in attesa di un bimbo, futuri padri

– Genitori con bimbi da 0 a tre anni

– Genitori con un bimbo piccolo e fratellini più grandicelli

– Asili nido, scuole, strutture per l’infanzia che vogliono offrire ai propri genitori un’opportunità di arricchimento con momenti di condivisione sui temi della prima infanzia

– Ambulatori pediatrici

– Studi di medicina naturale

– Strutture che operano nel campo del benessere e che desiderano dedicare alcuni spazi al percorso nascita

– Associazioni culturali dove è attivo un interesse verso l’educazione alla prima infanzia

Nel periodo perinatale c’è uno speciale stato mentale della madre in cui ella presenta un forte aumento di sensibilità e di concentrazione verso i bisogni del bambino.

Questo stato inizia dal parto in poi.

Le madri in questo primo periodo hanno bisogno di sostegno, di incoraggiamento e di un ambiente protetto per sviluppare e mantenere questo stato.

Solo se una madre viene sensibilizzata nel modo descritto, potrà immedesimarsi nel figlio e così venire incontro ai suoi bisogni.

Le madri hanno una buona capacità di fornire la giusta assistenza se esse stesse saranno aiutate a farlo ricevendo assistenza e sostegno adeguati in una maniera che riconosca il loro importante compito materno”.

(da “Preoccupazione materna primaria” D. Winnicott 1958).

Per ulteriori informazioni consulta il sito www.progettonascita.it


Potrebbero interessarti anche