Dopo la nascita del bambino depressione post partum per una mamma su tre

Il periodo appena successivo alla nascita del bambino è molto delicato per la neomamma.

I cambiamenti fisici e ormonali che si presentano contribuiscono al senso di tristezza e inquietudine avvertito da molte di loro.

Tuttavia tale disagio rischia di trasformarsi in un disturbo ben più serio, che pare colpire ben una mamme su tre: la depressione post partum.

In Italia sono circa 19mila le neomamme colpite da tale disagio, un numero che pare essere sottostimato per l’ingente percentuale di donne che non chiede aiuto.

I motivi della depressione post partum sono legati, più che ai mutamenti fisiologici del dopo-nascita, alla nuova condizione che la donna-mamma si trova ad affrontare.

Spesso, rispetto al passato, in solitudine e in assenza di adeguato supporto.

Oggi occuparsi di un neonato non si limita più alla mera cura fisica ed affettiva del bambino, ma comporta un maggior coinvolgimento in aspetti quali lo sviluppo psicologico, intellettivo e sociale dello stesso.

A questo si unisca la difficoltà di conciliare il ruolo di neogenitore attento a quello già rivestito in ambito sociale e lavorativo dalla donna-mamma, che – spesso in assenza di supporto esterno – ricerca sicurezze e conferme in manuali e guide spicci e semplicistici, alimentando ulteriori insicurezze e frustrazioni.

La depressione post partum dovrebbe essere affrontata con l’aiuto di esperti, da un lato, ma anche e soprattutto grazie al supporto e alla vicinanza di persone vicine alla neomamma, che possano aiutarla e sostenerla nel suo nuovo ruolo e nella cura del bambino.

Per leggere l’intero articolo clicca qui.


Potrebbero interessarti anche


  • Maribea

    Penso ci sia un errore nelle proporzioni… una donna su tre non soffre di depressione postnatale, la cui percentuale – sebbene probabilmente sottostimata – si aggira intorno al 10/12% delle neomamme. La maggior parte (60/80%) delle puerpere soffre di baby blues o maternity blues, che NON è una condizione patologic a e che nella quasi totalità dei casi ha una remissione spontanea. Chi desidera maggiori informazioni in merito li può trovare sul mio blog. Buona giornata a tutti!
    Maribea 🙂