Vaccinare il nostro bambino? Il diritto a dire no

La Corte d’Appello di Napoli ha emesso una sentenza davvero importante, per due motivi:

1. per i contenuti, perché ribadisce che un genitore che decide per scelta consapevole di non sottoporre il proprio figlio alle vaccinazioni obbligatorie non può in alcun modo essere costretto a farlo;

2. perché proviene da una regione che non ha ancora regolamentato il dissenso vaccinale.(…)
Se Veneto, Piemonte, Sardegna, Toscana, Lombardia, Province autonome di Trento e Bolzano hanno emanato direttive precise sull’argomento, esistono regioni in cui di fatto i genitori dissenzienti non vengono ostacolati nella loro scelta, e regioni in cui ancora si criminalizza chi pratica l’obiezione attiva.

Recenti sentenze di Tribunali Amministrativi di Abruzzo e Puglia hanno dato ragione agli obiettori, ma è illogico ed antidemocratico dover subire un processo per una scelta che in altre zone del paese è accettata e regolamentata. Sarebbe proprio il momento che gli Amministratori locali emanassero direttive chiare per il superamento dell’obbligo, e che anche lo Stato italiano si adeguasse alle normative europee, che non prevedono l’obbligatorietà.

La sentenza afferma, tra l’altro, la NON COERCIBILITA’ delle vaccinazioni obbligatorie (polio, difterite, tetano, epatite B). Non è possibile cioè in alcun modo imporre la pratica vaccinale quando i genitori pensano che questa possa causare danni alla salute dei propri figli.

Che le vaccinazioni possano causare danni, e non esistono strumenti per prevedere quale bambino potrà manifestarli. Che l’autodeterminazione consapevole è un diritto che i cittadini possono esercitare.

Anche in questo la politica è lontana dai bisogni di quanti combattono per difendere un principio di libertà.

Dott. Eugenio Serravalle
autore di Bambini super-vaccinati
www.eugenioserravalle.com


Potrebbero interessarti anche


  • elena

    Certo però che è dura….io ho scelto di non vaccinare mia figlia, però i dottori fanno terrorismo psicologico!!! Sembra quasi che chi non si vaccina fraccia un danno all’umanità e che il proprio figlio sia destinato a morire di una qualche malattia virale…. ma porca miseria, le condizioni di vita sono cambiate e la natura ci ha creati con un corpo in grado di resistere all’ambiente se lo trattiamo con rispetto!!! Non penso che drogandoci con i vaccini staremo meglio…anzi, rischiamo di diventare medicinali-dipendenti…Però, ribadisco, è dura lotta, soprattutto se ti ritrovi a visitare siti come http://www.levaccinazioni.it

  • manuela

    Sono disperata la mia bimba ha quasi tredici mesi e l’ultima volta che sono stata a fare il richiamo della vaccinazione obbligatoria ho detto all’infarmiera che non avrei fatto il vaccino trivalente cioè morbillo rosolia parotite più antimeningococcico c coniugato.la sua risposta è stata signora se non fa il vaccino a sua figlia viene una meningite e muore.e io le ho risposto di non azzardarsi mai più a dire una cosa del genere perchè io ho avuto tutte le malattie tranne il morbillo e mi sono vaccinata.è possibile dividere queste vaccinazioni?cosa devo fare?