La salute dei bambini comincia con la dieta della mamma


Sembra infatti che gli adulti affetti da malattie cardiovascolari o diabete siano con buone probabilità figli di una donna che prima di rimanere incinta e durante la gravidanza non mangiava in modo adeguato: troppo, troppo poco, male.

La dieta delle donne in età fertile è insomma un elemento determinante nell’influenzare il rischio di malattie croniche dei figli quando saranno adulti. E non si tratta di piccoli disturbi, ma di diabete e patologie cardiovascolari, obesità e tumori, patologie ossee e mentali. Diventa fondamentale il modo in cui si alimenta la madre prima del concepimento, durante la gestazione e dopo la nascita, con l’allattamento; molte donne, per giunta, smettono di allattare al seno troppo presto i loro figli, abbandonando uno dei mezzi migliori per garantire loro buona salute a lungo.

Il consiglio, quindi, è soltanto uno: le donne in età fertile che desiderano avere figli devono cominciare a mangiar sano prima di mettere in cantiere un bambino e devono continuare a farlo anche dopo. Elemento centrale poi è l’allattamento: è il modo migliore per dare un impulso positivo alla salute dei propri figli. Anche in questa fase la dieta sana e adeguata della madre è per forza di cose imprescindibile. E lo resta comunque anche quando il bimbo non prende più il latte materno: non dimentichiamo che il comportamento alimentare in famiglia è d’esempio per i figli, che assorbono e imparano le abitudini trasmesse da mamma e papà.

Fonte: Il Corriere della sera.it


Potrebbero interessarti anche