Warning: getimagesize(): Unable to find the wrapper ".http" - did you forget to enable it when you configured PHP? in /var/www/vhosts/bambinonaturale.it/httpdocs/wp-content/themes/bambinonaturale2.0/single.php on line 87

Warning: getimagesize(.http://bambinonaturale.it/uploaded/967.jpg): failed to open stream: No such file or directory in /var/www/vhosts/bambinonaturale.it/httpdocs/wp-content/themes/bambinonaturale2.0/single.php on line 87

Le bugie a fin di bene minano la fiducia nei genitori


La psicologa americana Gail Heyman, autrice dello studio pubblicato dal Journal of Moral Education, avverte che quando i bambini capiscono il meccanismo delle “bugie a fin di bene” perdono fiducia in mamma e papà. Tuttavia “Ci sono in realtà anche dei risvolti positivi. Capire che i genitori mentono aiuta a sviluppare lo scetticismo, componente fondamentale dello spirito critico”, spiega il coautore, Diem Luu.

Lo studio è stato condotto esaminando un gruppo di studenti e uno di genitori. Ai primi è stato chiesto di ripensare alle menzogne raccontate loro durante l’infanzia e l’88% ricordava più di un episodio. “I bambini conservano nella mente le bugie poi smascherate – spiega Kang Lee, direttore dell’Istituto per gli studi sul bambino dell’università di Toronto – e i genitori non possono raccontarle con leggerezza”.

Il 79% dei ragazzi intervistati ha ammesso di aver sentito dire ai genitori che mentire è sbagliato e solo il 21% di aver avuto con loro un dialogo onesto, in cui si spiegava che qualche mezza verità è concessa. “Sentirsi dire che mentire è sbagliato e poi scoprire che sono i genitori i primi a farlo può creare confusione – spiega Lee – Ecco perché, prima di ricorrere a una menzogna, bisogna valutare le alternative”.

Il 78% dei genitori intervistati ha ammesso di aver raccontato bugie ai figli, la maggior parte delle quali, ed è questo il dato sorprendente, per fini egoistici: dire a un bambino che se continua ad aprire il frigorifero lo farà esplodere è più semplice che spiegargli come funziona l’elettrodomestico. In questi casi la bugia, spiegano gli studiosi, non è detta per evitare un dolore o rendere il figlio più sereno, ma per ottenere le cose più in fretta. Se dunque, spiega la Heyman, è innocuo (anzi, opportuno) raccontare che Babbo Natale esiste, può invece essere rischioso mentire per modellare un comportamento.

Spesso i genitori mentono con leggerezza: “Le bugie dell’adulto – osserva lo psicoterapeuta Orazio Caruso, esperto di psicologia infantile – vengono raccontate per superficialità, per aderire a un pensiero infantile o nascondere realtà imbarazzanti. La soluzione migliore è sempre la sincerità”. Il genitore deve impegnarsi a trovare le parole giuste.

“I bambini – conclude – hanno un’enorme capacità di adattamento a situazioni per noi strane o insolite ed è sbagliato sottovalutare questa loro forza”.

Fonte: La Repubblica.it


Potrebbero interessarti anche