Denti e gravidanza, il concepimento

È ormai comprovato da evidenze scientifiche che lo sviluppo iniziale dell’embrione è influenzato, oltre che da fattori ereditari, anche dallo stato di salute generale della mamma.

Infatti nel primo articolo della rubrica abbiamo visto che, in caso di gravidanza, un’infezione dal cavo orale può, attraverso la circolazione ematica, raggiungere l’apparato genito-urinario prima e la membrana amniotica con possibile rischio di parti prematuri e bimbi sottopeso in mamme affette da malattia paradontale.

La prevenzione delle patologie orali rappresenta quindi una misura fondamentale in termini di efficacia e favorevole rapporto costo-benefici.

In occasione del 27° Meeting annuale della Eshre – European Society of Human Reproduction and Embriology – Società Europea di Riproduzione ed Embriologia Umana, svoltosi a Stoccolma nel mese di luglio 2011, è stato presentato uno studio australiano condotto dalla University of Western Australia che mette in relazione il concepimento con la salute orale della mamma.

Dai risultati ottenuti la presenza di malattia parodontale nella donna è un fattore di rischio che può aumentare il tempo di concepimento in una donna, proprio come l’obesità.

Il professore Roger Hart ha analizzato un campione di oltre 3700 donne in gravidanza, raccogliendo informazioni sul periodo di pianificazione della gravidanza, sul tempo intercorso tra la decisione di rimanere incinta e il concepimento e sullo stato di salute orale.

È emerso che, in buone condizioni di salute orale, il tempo medio di attesa per rimanere incinta è pari a 5 mesi; nei casi, invece, di aspiranti mamme con malattia parodontale, quindi con problemi gengivali, il tempo medio di attesa aumenta di due mesi rispetto alle donne con gengive sane.

Questo in realtà è il primo lavoro scientifico che indaga sul legame tra salute orale e fertilità, suggerendo che l’igiene orale potrebbe essere uno dei diversi fattori su cui intervenire per migliorare le probabilità di una gravidanza.

Dopo queste riflessioni, possiamo affermare che lo stesso programma di prevenzione della malattia parodontale durante il periodo della gravidanza, basato su controlli odontoiatrici regolari, sedute professionali di igiene orale dall’Igienista Dentale ed una scrupolosa igiene orale domicilare, è da attuare ancor prima che la donna decida di diventare mamma.

Quindi aspiranti mamme: buona igiene orale!

Valeria Scarafile


Potrebbero interessarti anche