• 0 Elementi - 0,00
    • Il carrello è vuoto.

Di notte con tuo figlio

Di notte con tuo figlio

(13 recensioni dei clienti)

La condivisione del sonno in famiglia

L’antropologo McKenna descrive i vantaggi del sonno condiviso, riportando le più recenti evidenze scientifiche che ne evidenziato i potenziali benefici.

Svuota
Tradotto da Beatrice Cerrai Pagine: 126 ISBN: N/A Categoria: Tag:

Conosci l’autore

James J. McKenna, titolare della cattedra di Antropologia Edmund P. Joyce C.S.C., nonché Direttore del Mother-Baby Behavioral Sleep Laboratory (laboratorio di ricerca sul sonno materno infantile) dell’Università di Notre Dame, è tra le massime autorità in materia di allattamento al seno in relazione alla SIDS (Sindrome della morte in culla) e al sonno condiviso.
I suoi interventi a conferenze e convegni medici sulla genitorialità sono molto richiesti in tutto il mondo.

In passato dormire insieme ai propri figli era la norma in quasi ogni epoca e cultura. Oggi invece, questa pratica è fonte di innumerevoli interrogativi e occasioni per colpevolizzarsi. Di notte con tuo figlio sviscera e smentisce ogni teoria scientifica a sostegno dell’inopportunità, se non addirittura della pericolosità o dell’immoralità di questa abitudine.

Dove far dormire i bambini è un tema assai controverso nella cultura occidentale, poiché risveglia questioni legate all’ideologia della promozione dell’indipendenza degli individui, bambini compresi. Possiamo parlare dell’importanza della famiglia, ma nella cultura occidentale l’obiettivo fondamentale è riuscire, farcela e affrontare le tempeste emotive da soli, senza l’aiuto di nessuno.

Il timore di condividere il letto con un bambino è altresì alimentato dallo stile di vita comunemente accettato dalla cultura occidentale, secondo cui si dovrebbe lavorare tutto il giorno, stare con la famiglia soltanto la sera o nel fine settimana e dormire da soli, profondamente e per tutta la notte. In occidente, il letto è anche sinonimo di sesso, per cui dormire con un bambino risulta sospetto.
James McKenna sovverte queste credenze culturalmente accettate, agendo da uomo di scienza: i suoi studi sul sonno dimostrano il legame che si crea durante la notte tra figlio e genitore, attraverso tracciati dei mutamenti fisiologici registrati in entrambi i soggetti addormentati e filmati della loro danza notturna. Legame che, come lui ha dimostrato, ha un fondamento biologico misurabile. L’autore raccomanda il sonno condiviso, purchè in situazioni di assoluta sicurezza, in quanto risulterebbe essere la scelta migliore per genitori e figli. In questo modo, questa pratica così normale e naturale diventa rivoluzionaria.

Non esiste un’età prestabilita per i vostri figli affiché possano o meno dormire nel lettone con voi. Bei sogni o brutti incubi avvengono a qualunque età e non devono essere il lasciapassare per cercare rifugio nella condivisione di sonno: è necessario infatti riscoprire il contatto senza paura.

Di notte con tuo figlio illustra le diverse modalità con cui è possibile dormire con i propri piccoli in tutta sicurezza, e lo fa avvalendosi delle più recenti evidenze scientifiche a sostegno dei potenziali benefici del sonno condiviso e tanti utili consigli per prevenire eventuali rischi e inconvenienti.

Pronti a scoprire gli innumerevoli benefici di stare tutti insieme nel lettone?

Recensione di Periodo Fertile

13 recensioni per Di notte con tuo figlio

  1. maya

    sono mamma di 2 bimbe, allattate al seno e spesso dormienti nel lettone. a parte qualche calcio in bocca direi che la soluzione è ottimale x poter riposare tutti. sicuramente questo libro sarà presto sul mio comodino!

  2. simo

    sicuramente interessante per chi ha paura di dormire con i bambini pur desiderandolo. Io mi son pentita di non averlo fatto fin da subito: da quando ho iniziato si dorme tutti bene e senza interruzioni, e soprattutto il bambino e’ sereno!

  3. Ilenia

    Ciao, sono mamma di riccardo (quasi due anni)..allattato al seno..ha dormito con noi sin dal suo primo giorno di vita e devo dire che è stato un ottimo modo per riuscire a riposare serenamente tutti insieme..non è una vergogna..io ne vado fiera!

  4. Silvia

    Nonn ho letto il libro ma conto di acquistarlo perchè..mio figlio ha quasi 6 mesi, lo allatto a richiesta e dorme nel lettone con me..ma spesso non chiudo occhio! Fino a poco tempo fa andava anche bene ma ora dorme solo se addosso!! come faccio?

  5. roberta

    Ho una bimba di un anno e mezzo e ha sempre dormito con me da pochi mesi ho provato a metterla nel suo lettino e ha continuato a dormire tranquilla solo ogni tanto chiede di starmi vicino ed io l accontento così dormiamo tutti sereni tutta la notte.

  6. Giulia

    Peccato non averlo fatto prima di portare Stefano nel lettone…per 4 mesi e mezzo, per non disturbare mio marito, ho dormito sul divano con Stefano vicino a me nella navicella/culletta….ogni ora e mezza mi alzavo ad allattarlo, non riuscivo a reggere più i ritmi con il sonno frammentato. Adesso la cosa più bella la mattina è vederlo accanto a se tranquillo e sorridente che dorme beato. Di notte mi cerca con la mano, cerca il suo papà, si attacca all’occorrenza ed è raro che mi svegli completamente…sono cosciente un po’ ma il ritmo del sonno non si interrompe. I nostri cuccioli sono fatti per vivere accanto a noi, anche di notte, bellissimo un altro libro che consiglio della Leche League ovvero Genitori di giorno e di notte di Sears

  7. Miguel

    Ok, col bimbo nel lettone tutti riescono a dormire. E l’attività sessuale? Ci si sposta in cucina appena il bimbo si addormenta nel lettone?

  8. e.

    ma per carità, a me da fastidio dormire con qualcuno vicino nel letto. ho bisogno del mio spazio vitale

  9. Cristiano

    Padre di uno splendido cucciolo di 11 mesi che, dall’età di un mese, dorme nel suo lettino, nella sua stanza.
    Risultato? Lui dorme comunque, è felicissimo, sanissimo, adorabile. I genitori hanno un loro piccolo” spazio tutte le sere e le notti.

  10. Fabiana

    libro molto scientifico sui benefici del co-sleeping: sicuramente dormire con i bambini non è un vizio e, fatto in sicurezza come spiegato nel libro, è la maniera migliore per risolvere il rpoblema dei risvegli notturni e della voglia di mamma dei bambini. bella la parte sui side-beds, anche se non è facile reperirli da noi.

  11. Sara

    Questo argomento mi ha dato il tormento…. quasi quanto la “faccenda allattamento”.
    Dopo quattro mesi che Alice poppava ad ogni ora, compreso la notte, e nessuno mi aveva spiegato che era Assolutamente Normale, ho deciso di portarla nel lettone per poter riposare di più.
    L’autore del libro è un assoluto esperto in materia. Nel suo laboratorio di ricerca sul sonno materno infantile, analizza il comportamento della coppia mamma-bambino durante le ore notturne. Tutto ciò che scrive E’ il risultato di lunghe ricerche e studi. A me è stato utilissimo. E devo essere sincera, so che Alice un giorno preferirà non averci più “tra i piedi” ma, fino a quel momento, ho intenzione di godermela sempre, compreso di notte!

  12. marie ravani

    Dopo aver avuto anni insonni col primo figlio appena ho saputo di essere in dolce attesa ho subito acquistato questo libro…… ogni donna dovrebbe averlo sul comodino! Mi sento un po in colpo per gli anni passati ma grazie ad Dott Makenna potrò riscattarmi

  13. Silvia B.

    Sono felice di aver letto questo libro è sono felice di condividere il sonno con la mia bimba di 4 mesi. Non c’è gioia più grande per me che addormentarmi e svegliarmi con lei. Consiglio questo libro a chiunque, sostenitori e non della condivisione del sonno, perché apre la mente ad altri punti vista e non fa mai male guardare una cosa con occhi diversi secondo me.

Aggiungi una recensione

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Accetto i Termini e Condizioni e la Privacy Policy

Potrebbero piacerti anche…



Articoli del nostro blog che potrebbero interessarti...

×