Vaccinazioni dei bambini: l’importanza dell’informazione

Quando nasce un bambino e lo si sottopone alla prima visita pediatrica, è di routine sentirsi rivolgere la domanda “lo avete vaccinato?”. Anzi, di solito le famiglie ricevono direttamente a casa l’invito della Asl di competenza a presentarsi per la vaccinazioni secondo un caledario preciso.

A partire dagli ultimi trenta-quarant’anni i genitori considerano le vaccinazioni dei bambini una normale profilassi preventiva cui sottoporre i propri figli, un normale gesto necessario ad assicurare loro una buona salute. Tanto che l’eventualità di non sottoporre i neonati ai vaccini “obbligatori” viene vista con diffidenza o persino osteggiata, dai professionisti e dall’opinione pubblica.

Il termine “obbligatorio” non è stato utilizzato a caso: la maggioranza dei genitori ritiene di avere l’obbligo di sottoporre i propri figli ai vaccini previsti in età pediatrica, già a partire dal secondo mese di vita, sentendosi liberi di scegliere solo nel caso delle vaccinazioni cosiddette “facoltative”. E questo “dare per scontato” non si limita all’obbligatorietà o meno di una prassi, ma investe in special modo la valutazione della reale utilità delle vaccinazioni per i bambini e degli eventuali rischi ad esse connessi.

Se dapprincipio la politica vaccinale di massa era tesa alla prevenzione di malattie a fortissimo impatto sulla salute pubblica per i gravi rischi che esse comportavano (vaiolo, tetano, poliomelite) negli anni sono stati introdotti vaccini contro patologie meno gravi e molto comuni quali morbillo, parotite, rosolia, fino ad arrivare a quelli volti a colpire ceppi virali molto eterogenei e in continua evoluzione quali quelli della meningite o dell’influenza.

Si può dire con certezza che i benefici delle vaccinazioni sulla salute dei bambini siano superiori ai rischi che esse comportano? Non si può negare l’aumentata incidenza di patologie allergiche e autoimmuni registrata con la diffusione della politica di vaccinazione di massa. La relazione tra vaccinazioni nei bambini e autismo non è più un semplice sospetto. Non è da escludersi che la crescita di soggetti affetti da dermatite atopica sia imputabile alla somministrazione di vaccini in tenerissima età, per patologie per lo più a esito benigno (malattie esantematiche) oppure pressoché debellate (vaiolo, poliomelite).

Vaccini bambiniI vaccini contengono adiuvanti (ad esempio alluminio, formaldedide) nocivi per la salute, i cui effetti non sempre sono immediati (e potenzialmente letali come nel caso di shock anafilattico) ma possono presentarsi molto più in là nel tempo con manifestazioni quali allergie e malattie autoimmuni, o le sempre più diffuse patologie degenerative difficilmente riconducibili al vaccino somministrato da bambini.

È quindi consigliabile, per decidere in tutta serenità se sottoporre i bambini alle vaccinazioni pediatriche, informarsi più a fondo sui reali benefici per la loro salute, sugli eventuali rischi che essi comportano nel breve e nel lungo termine, considerando la non obbligatorietà della pratica oppure decidendo di rimandandare la somministrazione del vaccino più in là nel tempo, quando l’organismo del bimbo sarà più maturo.


Potrebbero interessarti anche

Libri sull'argomento